Cani dalla Romania sfruttati per accattonaggio. Succede a Torino e vengono denunciate 20 persone!

Cani dalla Romania sfruttati per accattonaggio. Succede a Torino e vengono denunciate 20 persone!

Un illecito traffico di mendicati e cani dalla Romania è stato smascherato a Torino dalla polizia locale. Il sistema purtroppo, era un’organizzazione ben strutturata che gestiva una rete di mendicanti e i loro cani. E si è arrivati a denunciare ben venti persone per vari reati tra cui il maltrattamento degli animali. Questa organizzazione, per evitare di destare sospetti, organizzava viaggi ogni quindici giorni dalla Romania alla città piemontese per rimpiazzare i mendicanti. Mentre i cani venivano noleggiati da un allevamento in Romania.

Questo sistema ben orchestrato ha finalmente visto la luce. Mettendo fine alle atrocità commesse ai danni degli animali e dei mendicanti coinvolti. Ma vediamo più nel dettaglio come era orchestrata l’organizzazione e come gestivano il traffico di cani e mendicanti dalla Romania!

L’inchiesta ha smascherato il traffico dei cani dalla Romania

La polizia ha avviato l’inchiesta nel dicembre del 2022 in seguito alla segnalazione alle autorità giudiziarie di due individui sospettati di aver falsificato passaporti e libretti sanitari di cani. Il fine era di utilizzarli per chiedere l’elemosina nelle strade centrali di Torino.

Da quel momento, le forze dell’ordine hanno intensificato la sorveglianza su tutti i senzatetto che impiegavano animali per scopi di mendicità. La polizia ha monitorato attentamente i movimenti di questi individui. In questo modo le autorità sono riuscite a ricostruire nel dettaglio del loro modus operandi. Compresa la frequente sostituzione di persone e cani coinvolti nelle attività sotto i portici della città.

Le persone coinvolte

L’organizzazione coinvolgeva un vasto numero di personaggi ed era amministrata da un gruppo di cinque individui di nazionalità romena. Due dei quali sono stati denunciati per il reato di organizzazione di accattonaggio in concorso. Il loro modus operandi prevedeva il trasporto di ‘mendicanti’ e cani da un paese alla Romania a Torino e ritorno attraverso un furgone ogni quindici giorni.

I cani, di razza meticcia e di taglia piccola e media, provenivano da un allevamento situato a Piscot. Il loro business si aggirava attorno ai 600-800 euro settimanali per ciascun ‘mendicante’, i quali pagavano 1.600 euro agli organizzatori per il viaggio.