Cane al guinzaglio mentre scia: ecco com’è stato multato un turista a Madonna di Campiglio!

Cane al guinzaglio mentre scia: ecco com’è stato multato un turista a Madonna di Campiglio!

Un uomo è stato multato dai carabinieri a Madonna di Campiglio perché sorpreso a sciare con il proprio cane al guinzaglio. Questo episodio è emerso durante i controlli effettuati dalle forze dell’ordine per verificare l’adesione alle nuove norme sugli sport in montagna. Secondo quanto riferito, il turista multato stava sciando sulla pista in compagnia del proprio animale, tenendolo legato.

Questo comportamento ha messo a rischio sia la vita del proprietario che quella del cane, che faticava a stare al passo del suo padrone. Ma questa non è stata l’unica situazione spiacevole sulle piste da sci. In effetti pare che siano molti gli sciatori sconsiderati che non tengono conto delle leggi si sicurezza.

Divieto di alcool sulle piste da sci

Tra le nuove regole introdotte, oltre a quella di non sciare con il proprio cane al guinzaglio, si trova anche una disposizione che vieta categoricamente la pratica dello sci in stato di ubriachezza. Nel corso del mese di gennaio, i carabinieri hanno rilevato diversi casi di turisti che, nonostante una marcata condizione di ebbrezza alcolica, si sono avventurati sulle piste da sci ad alta quota.

In particolare, uno sfortunato turista lituano è stato scoperto completamente ubriaco lungo una delle piste dello Spinale. Le autorità hanno dovuto intervenire per trasportarlo in sicurezza a valle, utilizzando una slitta trainata, prima di farlo ricoverare presso il pronto soccorso di Tione. Come risultato di tale comportamento irresponsabile, il suddetto individuo è stato multato per una somma di 330 euro.

Multe salate anche per chi non scia con il cane al guinzaglio

Durante il mese di gennaio, un totale di 224 sciatori sono stati soccorsi dai carabinieri della Stazione di Madonna di Campiglio, sotto la guida del Comando Compagnia Carabinieri di Riva del Garda, a causa di violazioni delle norme di sicurezza. Tra le situazioni più complicate, si è reso necessario intervenire per il recupero di una donna che, a causa della perdita del controllo degli sci, ha subito una frattura composta della tibia in quattro punti.

Gli sciatori carabinieri hanno multato anche 11 individui diversi, tra cui 6 scialpinisti che stavano salendo lungo le piste. E altre persone che stavano scendendo ad alta velocità lungo le strade, mettendo a rischio gravi incidenti. Un numero significativo di interventi riguardava anche l’uso di sostanze stupefacenti sugli sci. Infatti, sono state controllate sette persone e una di loro è stata trovata in possesso di droghe mentre si trovava in un rifugio in alta quota. Altre 4 persone sono state invece colte sul fatto durante l’apres-ski.