Tre rottweiler sbranano e uccidono un uomo che faceva jogging nel parco di Manziana. Ecco cos’è successo!

Tre rottweiler sbranano e uccidono un uomo che faceva jogging nel parco di Manziana. Ecco cos’è successo!

Quando i soccorritori sono arrivati nel bosco di Macchia Grande di Manziana, a Nord di Roma, si sono trovati di fronte a una scena orribile. Tre rottweiler affamati stavano ancora dilaniando il corpo dell’uomo che avevano appena ucciso. Nonostante i loro sforzi, i cani sono stati presi e sedati solo dopo diverse ore, mettendo a rischio la sicurezza di altre due persone che potevano essere attaccate dagli animali.

Secondo le prime informazioni raccolte, uno dei testi in campo avrebbe cercato di intervenire per difendere la vittima, ma è riuscito a salvarsi solo reagendo con un bastone. Sarebbe stato lui, insieme a una donna presente, a chiamare le forze dell’ordine per richiedere aiuto.

Grazie all’immediato intervento dei guardiaparco del Parco di Bracciano e Martignano e dei carabinieri, che hanno prontamente bloccato tutti gli accessi al parco, è stato evitato un ulteriore attacco a un ciclista che stava percorrendo un sentiero nella zona di Macchia Grande.

La vittima si chiamava Paolo Pasqualini, aveva 39 anni e lavorava da tempo come caporeparto in un supermercato di Roma. Il proprietario dei tre cani è stato individuato. E risulta che gli animali siano fuggiti da una casa poco distante dalla zona del bosco di Macchia Grande.

Le parole del Sindaco

“Oggi la nostra comunità si ritrova ad affrontare un tragico evento. Un uomo ha perso la vita questa mattina alle 8.30 nei pressi del bosco Macchia Grande di Manziana. L’aggressione degli animali, ben tre rottweiler, ha causato questa profonda tragedia. Sul luogo sono intervenuti i Carabinieri, i Carabinieri Forestali, la Polizia Locale del comune di Manziana. Nonché la guardia del parco, i veterinari, l’accalappia cani e la Protezione Civile”.

L’intera comunità si è fatta portavoce del dolore, accanto al Sindaco Alessio Telloni, al Vice Sindaco Remo Fiorucci e al presidente dell’Università Agraria Manziana Alessandro Carucci. Secondo le prime informazioni, sembra che l’uomo stesse correndo nel bosco quando è stato aggredito da questi tre cani. Probabilmente questi sono fuggiti da una proprietà privata nelle vicinanze. L’amministrazione di Manziana ha diffuso una nota ufficiale per informare sull’accaduto.

Aidaa: “No alla soppressione dei tre rottweiler”; OIPA: “Serve un regolamento”

In una nota l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa), ha dichiarato: “Esprimiamo tutto il nostro dolore e vicinanza alla famiglia dell’uomo morto. Ma chiediamo anche che i tre cani non vengano soppressi e che si faccia un indagine accurata sull’accaduto verificando eventuali responsabilità di terzi nella fuga dei cani”.

L’OIPA, un’organizzazione internazionale per la protezione degli animali, ha pubblicato una nota in cui si auspica una regolamentazione più severa per la detenzione di alcuni tipi di cani. Infatti questi vengono spesso scelti da persone che non sono in grado di gestirli adeguatamente. Alcuni Comuni, come Milano, hanno già regolamentato la questione introducendo la necessità di ottenere una sorta di patentino per poter detenere alcune razze o razze simili.

Secondo l’avvocato Claudia Taccani, responsabile dell’Ufficio legale dell’OIPA, attualmente la pericolosità di un cane viene valutata in base a circostanze specifiche. Se un cane morde o si scontra con un altro cane, ad esempio, il caso viene segnalato al Servizio veterinario dell’ASL. Questo tiene un registro dei cani dichiarati aggressivi e impone al proprietario e al cane di seguire un corso di formazione.

Questo corso è organizzato dal Comune, in collaborazione con il Servizio veterinario del Servizio sanitario locale. Inoltre vi è la partecipazione dei professionisti veterinari e delle associazioni di protezione degli animali. Le spese sono a carico del proprietario del cane considerato “ad alto rischio”. In caso di pericolosità grave, si rende necessaria la sottoscrizione di un’assicurazione e l’obbligo di utilizzare guinzaglio e museruola nelle strade e in luoghi pubblici.